Miniera della Bagnada

hotellabetulla

23 settembre 2018

Nessun commento

Miniera della Bagnada

Il museo miniera della Bagnada di Lanzada in Valmalenco è nato dal desiderio di riportare alla luce, e salvaguardare, un patrimonio che stava ormai scomparendo, incalzato dal presente.

Il ripristino di una realtà che in Valmalenco è stata per lungo tempo protagonista, permette di riflettere sul significato storico e socio-economico dell’attività mineraria delle comunità locali per più di due secoli.

Si sviluppa su nove livelli, di cui quattro visitabili. Si possono osservare diverse tipologie di gallerie: filoni coltivati, gallerie di servizio, discenderie, camminamenti, gallerie e vuoti per la ricerca del materiale sterile. C’è la riservetta, il locale che serviva per la conservazione degli esplosivi e per la preparazione delle cariche; al livello inferiore si ammira il Camerone il quale, grazie alla particolare acustica delle sue alte volte, ospita concerti e altri appuntamenti musicali. Sono visibili diverse attrezzature utilizzate nel lavoro di miniera: carrelli, perforatrici… e si assiste all’accensione delle lampade ad acetilene, la cui suggestiva luce accompagna i visitatori fino all’uscita. Le pareti rocciose della miniera sono bianchissime e riflettono la luce artificiale illuminando l’ambiente. Inoltre, diversamente da tante miniere dove si procede attraverso cunicoli stretti, quella della Bagnada ha gallerie molto ampie ed è perciò facilmente visitabile anche a chi soffre di claustrofobia. Corredata da speciali effetti audiovisivi, la miniera è senza ombra di dubbio la parte del Museo a maggior impatto emotivo.

Ecomuseo Miniera della Bagnada

Comune di Lanzada - tel. +39 0342 453243
Consorzio Turistico Sondrio e Valmalenco - tel. +39 0342 451150
info@minieradellabagnada.it

MORE INFO